Azione A.3.1: Le tecnologie di trattamento

 

Approfondimento sulle tecnologie di trattamento

Soil/sediment washing

Insieme di sezioni di trattamento atte alla liberazione di contaminanti, ed alla separazione per dimensione, densità, proprietà superficiali, dei contaminanti liberi o liberati e/o di particelle fortemente contaminate. Principali flussi in uscita:

  1. matrice solida pulita riutilizzabile
  2. frazioni fini e fanghi contaminati o non  riutilizzabili,
  3. fase liquida di processo eventualmente da depurare sugli output  2.

si possono applicare altri trattamenti ed il soil washing può assumere il ruolo di pretrattamento finalizzato alla riduzione dei volumi da trattare. La massima efficienza (90-99%) si ottiene per matrici ghiaiose-sabbiose, contaminanti in forma massiva l’efficienza minima invece si ottiene per matrici limo-argillose (40-90%). Costi:  270-600 USD/t .  

Liberazione mediante azione meccanica

Disaggregazione: Le particelle possono essere inglobate in aggregati. In questo caso si applicano delle sollecitazioni di taglio, ottenute mediante opportune attrezzature e lo sfregamento tra particelle. Incrostazioni su grani grossi: Può trattarsi di cristalli di minerali secondari ri-precipitati sulla superficie delle particelle Si applica una sollecitazione per urto. I minerali depositati sulla superficie, essendo più fragili, si frantumeranno secondo le superfici di discontinuità finendo in sospensione nella fase liquida estraente. Incrostazioni su grani piccoli: per grani piccoli il metodo precedente non è applicabile, si usa allora un meccanismo basato sull’abrasione tra grani. Si costituiscono delle torbide addensate, costituite cioè da un’alta concentrazione volumetrica di particelle solide la cui agitazione crea l’abrasione.  

Separazione solido – solido

Viene effettuata per:

  • massa volumica,
  • dimensione,
  • proprietà superficiali.

Separazione solido – liquido

  • Sedimentatori,
  • Ispessitori,
  • Centrifughe e filtro-presse,
  • In genere per decantazione o per separazione in centrifuga, più raramente per filtrazione visti i costi maggiori (ma miglior separazione),
  • Successiva depurazione dell’acqua,
  • Le acque depurate solitamente vengono riutilizzate nel processo.

[download id=”33″]